INIZIO HCB VIENNA Sem 2

 

Più di 7000 spettatori hanno potuto assistere al match più bello visto al Palaonda in questa stagione; gara per palati fini e cuori forti, quella disputata sul ghiaccio di Via Galvani; i Foxes escono sconfitti dalla pista, condannati da un lampo dell’ex Vause e possono recriminare soltanto sulle numerose occasioni sprecate nel corso di 86 minuti (e spicci) di hockey intenso e spettacolare.

Parte subito aggressivo il Bolzano sospinto da un pubblico meraviglioso, ma a passare in vantaggio è il Vienna con Nödl che, lasciato sul posto Yogan, si presenta puntuale all’appuntamento con l’assist al bacio di Rotter ed infila Melichercik. I biancorossi accusano il colpo e rischiano di subire il raddoppio nemmeno la prima superiorità numerica sembra rianimarli, ma quasi allo scadere del powerplay, Lindsay Sparks s’inventa un gol d’antologia, saltando in slalom un paio di avversari e concludendo con un colpo da biliardo che manda il disco alle spalle di Lamoreux; questa volta tocca ai gialloneri sbandare pericolosamente, ma Root non arriva a tempo per una deviazione e poco dopo è Holzapfel a testare i riflessi di Melichercik che respinge.

I capitolini provano a metterla sul fisico e si prendono altre due penalità, che i biancorossi però non riescono a sfruttare. La partita si accende nella seconda frazione: Oleksuk non trova la deviazione vincente sul tiro di Insam, Vause dà dimostrazione della sua tecnica tentando di aggirare la porta e il goalie biancorosso che respinge, Yogan prova ad imitarlo con risultati analoghi; tocca poi a Frank divorarsi un’occasione colossale a tu per tu con il portiere avversario, mentre Vallerand sbaglia di poco la mira al termine di una spettacolare azione in solitaria. Il Bolzano trova il vantaggio poco dopo la metà frazione: Insam tira una fucilata verso Lamoreux che respinge, il disco arriva sulla stecca di capitan Egger che lo infila sotto la traversa facendo esplodere di gioia il Palaonda.CENTRO HCB VIENNA Sem2

Gli ospiti si mettono subito in caccia del pareggio e serve un eroico Insam ad evitarne la rete, che arriva a meno di due minuti dalla sirena: le volpi sbagliano il cambio e concedono ai caps un 3 contro 1 che viene rifinito da Holzapfel che impatta il risultato. Vienna prova il colpo del KO in avvio di terzo periodo, ma il portierone dei Foxes abbassa la saracinesca e respinge i pericoli; Bolzano si fa vedere con Bernard, ma la difesa viennese allontana il disco prima che questo superi la linea di porta. Sul finire di frazione, prima è Sparks a sfiorare il palo, poi è Pollastrone a farsi fermare da Seymour; poco prima della terza sirena, ci provano anche Sharp e Ferland, ma trovano un Marco Insam in versione “uomo ovunque” che ne ferma i tiri, mandando la partita agli overtime.

Ai supplementari il Bolzano se la vede davvero brutta, costretto per due volte con l’uomo in meno a subire uno dei migliori PP della Lega, ma risponde colpo su colpo e, proprio a 20 secondi dalla fine del primo OT, Yogan, approfittando dell’uomo in più, s’invola verso Lamoreux e prova a beffarlo, ma il goalie giallonero compie un vero e proprio miracolo e lo ferma. Inizia il secondo supplementare, Insam e Pollastrone sfiorano la rete della vittoria che, purtroppo per il Bolzano, arriva in favore degli ospiti con Taylor Vause che, dopo aver superato in velocità Luoma e Seymour, si presenta da solo davanti a Melichercik e lo fulmina, portando così la serie sul 2 a 0 per i suoi. Gara 3 di semifinale andrà in scena domenica a vienna e, per i Foxes, avrà già il sapore dell’ultima spiaggia per cercare di raddrizzare la serie.

Riccardo Giuriato

HCB-VIC 2-3 (1-1; 1-1; 0-0; 0-0; 0-1)06:12 Andreas Nödl (0-1); 11:26 Lindsay Sparks PP1 (1-1); 30:23 Alexander Egger (2-1); 38:17 Riley Holzapfel (2-2); 86:21 Taylor Vause (2-3)

FINE HCB VIENNA Sem2