HCB DOR 1

Il Bolzano sconfigge al Palaonda la sua (ex?) bestia (bianco)nera, conquistando la seconda vittoria consecutiva, conquista il decimo posto in classifica scavalcando il Villach (avversario di domenica pomeriggio in Carinzia) e mette nel mirino il nono piazzamento occupato dal Fehervar; il tutto al termine di un match dominato per lunghi tratti dai biancorossi che solo per errori di mira non incrementano il punteggio e solo nel finale concedono un barlume di speranza agli avversari oggi davvero poco più che inconsistenti.

Nella prima frazione di gioco il Bolzano, dopo aver lasciato sfogare gli avversari che asi rendono pericolosi con un tiro di Fraser che prova a sfruttare un errore in uscita di zona dei biancorossi comincia a prendere in mano il pallino del gioco e per Rasmus Rinne cominciano i problemi; alla prima vera occasione, il Bolzano prende un palo clamoroso con Miceli che arriva per primo sul rebound concesso dal goalie ospite sull’assolo di Mike Angelidis.

Poco dopo Travis Oleksuk spara clamorosamente fuori da due passi; sembra una maledizione, ma al minuto 09:31, in inferiorità numerica, i padroni di casa trovano la rete del vantaggio grazie a Robin Gartner che, dopo aver rubato il disco all’ex Ziga Pance, lancia Mike Halmo che, a tu per tu con Rinne lo salta e deposita il disco in rete. Il Dornbirn quasi sparisce dal ghiaccio, ma il Bolzano non riesce ad approfittarne visto che prima un ispiratissimo Mike Halmo colpisce in pieno l’incrocio dei pali; poco dopo Rasmus Rinne trova il riflesso giusto per fermare quasi sulla linea di porta il disco scagliato da Gartner e deviato sottomisura da Frank alla prima pausa, le due squadre sono sul punteggio di 1-0.

HCB DOR 6

Il gol con cui Mike Halmo ha aperto le marcature (foto di Andrea GIOVANAZZI - HCBfans.net)

Proprio in apertura del secondo drittel, i Bulldogs sfiorano il pari con Brodie Reid, ma l’ex sniper biancorosso prende solo il palo con un one-timer dalla media distanza. Scampato il pericolo, il Bolzano torna a fare la partita e, alla seconda superiorità numerica del match (Connelly) colpiscono approfittando di un errore nel cambio linee degli avversari: Robin Gartner, piazzato sulla blu di difesa, tergiversa quel tanto che basta per far liberare Angelidis e servirlo; il numero 10 punta deciso verso Rinne e poi serve a sinistra il rimorchio dell’accorrente DeSousa che, praticamente in tuffo, realizza il 2-0. Gli ospiti barcollano e 5 minuti dopo subiscono anche la terza rete ancora con l’uomo in meno per il 2+2 rimediato da Caruso: dopo 7 nitide occasioni da rete, Angelo Miceli si accentra e batte ancora Rinne per il 3-0 con cui si chiude la frazione centrale.

HCB DOR 15

(foto di Andrea GIOVANAZZI - HCBfans.net)

Ancora un brivido per i 3000 spettatori del Palaonda quando, in avvio di terza frazione, Sean McMonagle colpisce un altro palo con un diagonale dalla blu di attacco ma al 46:30 arriva per gli austriaci la mazzata finale: Matias Sointu passa a DeSousa che realizza la sua doppietta personale e porta sul 4-0 il parziale. Nemmeno il tempo di festeggiare che il Dornbirn riesce ad accorciare le distanze con un diagonale di James Arniel che fulmina Tuokkola.

Il Bolzano controlla abbastanza facilmente il match, arginando senza troppi problemi le folate offensive degli avversari e, in pieno “garbage time” si trova ancora a giocare con l’uomo in più, ma questa volta sono gli ospiti a timbrare il cartellino grazie ad un’uscita errata di Tuokkola che favorisce l’assist di Timmins ad un liberissimo Häußle che, dopo aver stoppato il disco con il pattino, lo infila nella porta sguarnita.

Alla sirena conclusiva, può esplodere la gioia dei giocatori e dei tifosi di casa per una vittoria importantissima che tiene viva la speranza di recuperare posizioni in classifica.

Domenica pomeriggio, alle 17.30, il Bolzano scenderà sul ghiaccio della Stadthalle di Villach per incrociare le stecche con la squadra carinziana in crisi di risultati.

HCB DOR 16

(foto di Andrea GIOVANAZZI - HCBfans.net)

Riccardo Giuriato

HCB-DEB 4-2 (1-0; 2-0; 1-2): 09:31 Mike HALMO SH1 (1-0); 27:54 Chris DESOUSA PP1 (2-0); 32:54 Angelo MICELI PP1 (3-0); 46:30 Chris DESOUSA (4-0); 46:51 James Arniel (4-1); 57:54 Stefan Häußle SH1 (4-2)