Commento sito VSV HCBIl Bolzano riesce ad essere bello e vincente anche in trasferta; alla Stadthalle di Villach, i biancorossi asfaltano per 5 reti ad una i padroni di casa in piena crisi, mettono nel mirino Graz 99ers (avanti di un punto rispetto ai biancorossi), Fehervar e Dornbirn Bulldogs (2 punti sopra) che li sopravanzano in classifica e venerdì sera aspettano lo Zagabria al Palaonda per cercare di conquistare altri 3 punti sempre più fondamentali in ottica piazzamenti.

Partono subito forte i Foxes con Miceli che colpisce l’esterno della rete e capitan Egger che si vede fermare la conclusione da Herzog. Al secondo minuto di gioco, gli arbitri fischiano una penalità ai danni di Mike Halmo ma, a parte un tiro di Leiler deviato in mischia, il Villach non riesce a rendersi pericoloso dalle parti di Tuokkola che deve sbrigare praticamente solo ordinaria amministrazione. Tornati in parità numerica, il Bolzano torna a farsi pericoloso con Petan che, servito da Oleksuk, sbaglia la mira; chi non sbaglia invece è Chris DeSousa che, al minuto 8:02 viene servito con un disco col contagiri da Petan, penetra nella difesa avversaria come fosse burro e poi batte Herzog sotto i gambali.

Il vantaggio acquisito mette le ali agli ospiti che sfiorano il raddoppio con Egger e Oleksuk, ma in entrambe le occasioni è bravissimo il goalie di casa a chiudere lo specchio della porta; poco dopo è Angelo Miceli a sfiorare la rete, ma il tiro del numero 26 biancorosso esce di un nulla. La squadra di casa torna a farsi vedere con un tiro che Tuokkola blocca fra i gambali prima e con un 3 contro 2 concluso con un tiro alto sulla traversa poi. Al minuto 16:43 il Villach trova inopinatamente il pari alla prima vera occasione: Stebih costringe Tuokkola a concedere il rebound sul quale si avventa Verlic che in backhand impatta. Subito dopo, Luca Frigo avrebbe la possibilità di riportare in vantaggio i suoi, ma si fa murare da Herzog.

Passano esattamente 60 secondi dalla rete delle aquile carinziane ed ecco l’episodio che, probabilmente, decide il match: Maxa si fa mandare in panca puniti e con l’uomo in più il Bolzano mette la gabbia avversaria sotto assedio; Mike Halmo si vede respingere una prima conclusione da un miracolo di Herzog, ma alla seconda possibilità il numero 91 dei Foxes fa centro con un tocco da breve distanza e la prima sirena vede le due squadre sul punteggio di 1-2.

Il Bolzano inizia la seconda frazione con piglio deciso e, al 23:40 trova la terza rete ancora con un ispiratissimo Mike Halmo che, ricevuto il disco da Gartner si accentra e di rovescio cala il tris; il poker lo serve Domenic Monardo che, al 26:44, piomba come un falco sul rebound concesso da Herzog sul tiro dalla blu di Gartner ed appoggia in rete la rete che mette definitivamente KO gli avversari.

Il Villach ci prova più per l’orgoglio che per altro, ma le conclusioni dei carinziani non impensieriscono per nulla Tuokkola; chi invece vede le streghe è il suo collega che deve impegnarsi in salvataggi miracolosi per evitare l’imbarcata ai suoi, ma deve lo stesso capitolare al

38:12 quando Matias Sointu, al termine di una bella azione personale, serve il rimorchio di Daniel Glira che, con un tiro dalla distanza, realizza la quinta rete che chiude di fatto il match.

La terza ed ultima frazione non ha molto da dire, visto che il Villach non ha la forza ne la volontà per cercare la rimonta, mentre il Bolzano si limita a controllare le rare folate offensive avversarie, sfiorando la sesta rete con Petan e Miceli, prima che l’ultima sirena mandi in archivio il risultato.

I biancorossi torneranno sul ghiaccio venerdì 12 gennaio, alle 19:45, quando sul ghiaccio amico del Palaonda scenderanno in pista i croati del Medvescak Zagabria, avversaria “diretta” per la conquista della “top six” e che sopravanza il Bolzano di 7 punti.

Con questo carattere, sognare non sembra più un reato.

Riccardo Giuriato

VSV-HCB 1-5 (1-2; 0-3; 0-0): 08:02 Chris DESOUSA (0-1); 16:43 Miha Verlic (1-1); 19:23 Mike HALMO PP1 (1-2); 23:40 Mike HALMO (1-3); 26:44 Domenic MONARDO (1-4); 38:12 Daniel GLIRA (1-5)