HCB MZA 9

 

“Vi vogliamo così!” ruggisce la Curva dei “Figli di Bolzano”, cuore pulsante del caldo tifo biancorosso, al termine della partita che ha visto il Bolzano imporsi per 6-3 sullo Zagabria; una partita comunque non facile, giocata contro una delle squadre più in forma del momento ed avversaria diretta (nonché detentrice) dell’ultimo posto nella “top six”.

E dire che la partita non era cominciata benissimo per i biancorossi: dopo soli 76 secondi di gioco infatti, Tikkanen serve per Balej il cui tiro dalla distanza beffa Tuokkola, forse ingannato da qualche deviazione. Bastano soli 33 secondi di gioco però al Bolzano per trovare il pareggio: Mike Halmo va via sulla sinistra e centra per un solissimo Daniel Frank; il numero 94 non ha nessuna difficoltà ad insaccare la rete del pari. La rete sembra mettere le ali ai padroni di casa che, un secondo dopo aver esaurito il primo powerplay del match, trovano il gol del vantaggio grazie a Matias Sointu che è il primo ad arrivare su un tiro di Monardo non controllato dalla difesa ospite.

Lo Zagabria comunque è squadra pericolosissima e, alla prima occasione, pareggia: Olden serve per Boivin che insacca dopo aver aggirato Tuokkola. La prima frazione non ha ancora esaurito le emozioni: a meno di 3 minuti dalla sirena, Sointu e Petan combinano fra loro e servono un cioccolatino che DeSousa deve solo scartare per il 3-2 con il quale si va al primo riposo.

In avvio di frazione centrale, il Bolzano cerca di incrementare subito il vantaggio, ma Luca Frigo non riesce a realizzare il rigore che si era procurato pochi istanti prima; passano pochi minuti ed il Bolzano si trova a giocare in 4 uomini per via di un 2+2 inflitto a Mike Halmo, ma tolta la prima mischia susseguente all’ingaggio, Tuokkola non corre pericoli di sorta, mentre sono proprio i padroni di casa a sfiorare la rete con l’azione combinata Oleksuk-Sointu. Per la rete del 4-2 comunque i 3500 spettatori del Palaonda non devono aspettare tanto: è il minuto 32:56 quando Halmo serve Petan che tira; il disco supera Poulin ma si ferma sulla linea di porta, arriva come un falco Angelo Miceli che lo fa terminare in rete nonostante il tuffo disperato di un difensore. La squadra ospite sembra accusare il colpo e per lunghi minuti sembra che possa affondare definitivamente, ma a 62 secondi dalla pausa, Mahbod serve Morley che insacca la rete del 4-3 al termine di una veloce ripartenza.

HCB MZA 3La rete di Chris DeSousa (foto di Andrea GIOVANAZZI - HCBfans.net)

Nella terza frazione ti aspetti uno Zagabria spregiudicato che si gioca il tutto per tutto, invece è il Bolzano a mantenere il controllo del match, annullando le offensive croate e rendendosi pericolosissimo in contropiede; proprio da un rapido capovolgimento di fronte arriva la quinta rete dei biancorossi: Sointu (nominato MVP del match con percentuali bulgare), anziché tirare, serve verso DeSousa il quale vede arrivare Angelidis e gli offre un disco che il numero 10 non può assolutamente sbagliare: 5-3 e partita virtualmente chiusa, se non fosse che, al 55:18 anche capitan Alexander Egger viene messo a referto dopo che ha tolto le ragnatele dall’incrocio dei pali su assist di Petan.

Nel finale c’è ancora spazio per un paio di parate spettacolari di Tuokkola (sempre più idolo dei tifosi) e per un’altra superba prestazione del PK biancorosso che rende inerme anche l’ultima superiorità numerica dei croati; all’ultima sirena un boato accoglie la quarta vittoria consecutiva del Bolzano che, dopo questa sera, ha sempre più nel mirino la sesta posizione in classifica.

HCB MZA 7Angelidis e Sointu possono esultare alla rete del numero 10 (foto di Andrea GIOVANAZZI - HCBfans.net)

Domenica pomeriggio arriva il Vienna capoclassifica e ci vorrà un’altra prestazione come questa per continuare ad inseguire il sogno.

Riccardo Giuriato

HCB-MZA 6-3 (3-2; 1-1; 2-0): 01:16 Jozef Balej (0-1); 01:49 Daniel FRANK (1-1); 05:52 Matias SOINTU (2-1); 12:49 Michael Boivin (2-2); 17:07 Chris DESOUSA (3-2); 32:56 Angelo MICELI PP1 (4-2); 38:58 Tyler Morley (4-3); 52:05 Mike ANGELIDIS (5-3); 55:18 Alexander EGGER PP1 (6-3)