Commento sito INN HCBNiente rivincita per il Bolzano che perde anche alla Tiroler Wasserkraft Arena e saluta, forse definitivamente, la possibilità di agganciare la top six che, prima della sconfitta a Salisburgo, sembrava ancora a portata di mano dei biancorossi. Gli squali tirolesi s’impongono per 3-2 dopo i tiri di rigore, al termine di una partita che li ha visti autori di un terzo drittel davvero devastante (22:3 i tiri solo nella frazione conclusiva); alle volpi resta il rimpianto dell’ennesima partita gettata via dopo essere stati in vantaggio di 2 reti.

Il match di capodanno comincia con il Bolzano che parte a spron battuto e crea da subito problemi a Nechvatal con Bernard prima e un’occasione mancata da Gander e Frigo poi. Cominciano a farsi vedere anche i padroni di casa con un siluro di Lindner e Jake Smith inaugura la sua serata spettacolare bloccandolo.

Le due squadre non offrono un gioco entusiasmante ai 2800 spettatori della Tiroler Wasserkraft Arena, ma creano comunque pericoli alle difese avversarie: prima è un tiro di Gartner a scatenare una mischia davanti alla gabbia dell’Innsbruck con il disco che termina poi fuori di poco, poi è Smith, che rimpiazza l’influenzato Tuokkola, a bloccare prima Wahl e poi Weber.

A metà frazione arriva la prima penalità del match a carico dei biancorossi, con Angelidis che si fa punire per una carica inutile; con l’uomo in meno il Bolzano soffre molto la pressione degli avversari che sfiorano il vantaggio con Spurgeon, il quale incredibilmente, non riesce a realizzare a porta praticamente sguarnita. Proprio nella coda della penalità, Matias Sointu riesce a trovare lo spazio per un contropiede, ma si fa fermare da Nechvatal.

Nel finale di frazione il Bolzano pare lasciare troppo ghiaccio agli avversari, ma a 14 secondi dalla sirena, Daniel Frank trova la prima rete stagionale a conclusione di un contropiede avviato da Stefano Marchetti, portato avanti da Travis Oleksuk che serve con un assist al bacio il rimorchio dell’attaccante venostano.

L’inizio della frazione centrale vede l’Innsbruck piantare le tende nel terzo difensivo biancorosso, ma sono ancora i Foxes a passare con Alex Petan, bravo a finalizzare un assist del rientrante Miceli. Il raddoppio sembra mettere le ali agli ospiti, mentre la squadra di casa pare andare in crisi e, durante l’inferiorità numerica dovuta alla penalità comminata a Pedevilla, devono ringraziare il loro goalie se non subiscono la terza rete. Solo una dubbia penalità fischiata ad Angelidis riesce a rivitalizzare i padroni di casa che, però, vanno a sbattere contro un ottimo Jake Smith che chiude ogni spiraglio alle conclusioni degli squali e conduce i suoi alla seconda pausa sul punteggio di 0-2.

Nella terza frazione la squadra di casa bombarda letteralmente la gabbia del Bolzano, ma un ottima prestazione di Jake Smith, unita ad una buona dose di sfortuna (clamoroso il palo colpito da Wahl in apertura di frazione a porta praticamente vuota) sembrano indirizzare la partita verso gli ospiti ma, al minuto 46:30, l’Innsbruck trova un gol rocambolesco che riapre il match e segna il punto di svolta: tiro di Bishop e disco che termina in rete dopo aver toccato i pattini del goalie biancorosso.

La squadra tirolese ci crede, Smith deve superarsi su Bishop e Oullet-Blain, prima di capitolare sul tiro dalla blu di Lammers che, al 49:09, impatta il risultato. Il Bolzano sparisce letteralmente dal ghiaccio e deve ringraziare la serata di grazia del suo backup se la serata non finisce con una goleada e la terza sirena manda le due squadre all’overtime; nel tempo supplementare prima è Yogan a sfiorare la rete della vittoria, poi tocca a Nechvatal salvare prima su DeSousa e poi, proprio a fil di sirena, sul tiro a botta sicura di Mike Halmo.

Si va dunque ai tiri di rigore, Innsbruck ne sbaglia uno, Bolzano due e la partita se la portano a casa gli “squali”, mentre al Bolzano resta l’amarezza della beffa di ritrovarsi con un misero punticino che serve a poco per la classifica.

I biancorossi torneranno sul ghiaccio mercoledì sera alle 19:45 quando affronteranno sul ghiaccio del Palaonda i Red Bull di Salisburgo.

Riccardo Giuriato

HCI-HCB 3-2 d.t.r. (0-1; 0-1; 2-0; 0-0; 1-0): 19:46 Daniel FRANK (0-1); 26:45 Alex PETAN (0-2); 46:30 Hunter Bishop (1-2); 49:09 John Lammers (2-2); 65:00 Tyler Spurgeon PS (3-2)

SEQUENZA RIGORI:

Clark: FUORI

Miceli: PARATO

Spurgeon: GOL

Halmo: PARATO

Yogan: GOL