Commento sito ZNO HCB

 

Svaniscono alla Nevoga Arena di Znojmo i sogni del Bolzano di agguantare la topica six e garantirsi l’accesso diretto alla post-season; se vorranno andare ai playoff, i biancorossi dovranno passare per il purgatorio del “relegation round”, al termine del quale solo le prime due squadre accederanno alla fase successiva.

E pensare che la partita si era messa subito bene per il Bolzano, grazie alla prima rete stagionale di Robin Gartner che, con un tiro secco e preciso, beffa il goalie avversario fra i gambali. I padroni di casa provano subito a cercare il pari grazie all’uomo in più, ma i loro sforzi si scontrano con il sempre eccellente PK biancorosso e Tuokkola non corre soverchi pericoli. Lo stesso portierone finlandese fa venire i brividi ai suoi compagni quando, dopo un movimento strano, rimane a terra per qualche minuto, prima di riprendere il suo posto. Il Bolzano rincula a difesa della gabbia, ma lo Znojmo riesce a trovare solo tiri poco puliti, mentre ad ogni contropiede i biancorossi rischiano di passare: prima sono Daniel Frank e Travis Oleksuk a non riuscire a trovare il tempo giusto per la deviazione in mischia, poi è Domenic Monardo che, al termine di una spettacolare azione personale, trova Schwarz pronto alla respinta; infine è ancora Frank a sfiorare il gol del raddoppio con un tiro dallo slot, ma il goalie ceco sventa. La prima frazione termina con gli ospiti in vantaggio perché Nemec, da due passi, sbaglia la conclusione solo davanti a Tuokkola.

All’ inizio della seconda frazione, il Bolzano gioca un meraviglioso PK e sfiora il raddoppio con una grande azione solitaria di Chris DeSousa che fa tutto bene fino alla conclusione che termina fuori non di molto; poco dopo Halmo serve Angelidis che per ben due volte consecutive si vede respingere la conclusione dal portiere avversario. Il raddoppio del Bolzano è nell’aria e lo realizza Mike Halmo che, dopo aver conquistato un disco sulla blu, si invola verso Schwarz e lo batte con un tiro di polso. La partita sembra ormai decisa, ma nel giro di 90 secondi, i moravi rimettono in parità la gara prima con Plihal che infila all’incrocio un siluro al termine di un contropiede condotto da Spacek, poi è Zajic a trovare la rete grazie ad un “vuoto” clamoroso della retroguardia biancorossa. Il Bolzano sembra sciogliersi e deve ringraziare un super PK se alla seconda pausa il punteggio è ancora di 2-2.

Lo Znojmo mette la freccia dopo 81 secondi gioco della terza frazione, quando Nemec pesca un liberissimo Mrazek nello slot, gran tiro di polso e Tuokkola è battuto per la terza volta.

I biancorossi cominciano a mostrare la corda, forse risentendo di oltre un mese di partite giocate al massimo dei giri, e non riescono più a rendersi pericolosi dalle parti di Schwarz che rischia solo su una conclusione di DeSousa ben servito da Petan.

A nulla serve l’assalto finale dei biancorossi alla gabbia avversaria con il sesto uomo di movimento, perché a 17 secondi dalla fine, Colton Yellow Horn trova l’empty net che chiude la gara e, probabilmente (anche se la matematica ancora non ufficializza), costringerà il Bolzano a rinunciare ad un posto nella top six.

I biancorossi torneranno sul ghiaccio già domani (sabato) sera quando, alle 19.15 renderanno la visita ai Vienna Capitals.

Riccardo Giuriato

ZNO-HCB 4-2 (0-1; 2-1; 2-0): 02:04 Robin GARTNER (0-1); 27:33 Mike HALMO (0-2); 29:44 Tomas Plihal (1-2); 31:14 Josef Zajic (2-2); 42:21 Petr Mrazek (3-2); 59:43 Colton Yellow Horn EN (4-2)