INIZIO pagelleCon la EBEL ferma per la pausa internazionale riservata alle squadre nazionali ed essendo arrivati ormai ad un terzo della stagione regolare il nostro opinionista Riccardo Giuriato ha stilato le pagelle per tutti i giocatori biancorossi in quest'edizione straordinaria di "Dalla Tribuna":

MARCEL MELICHERCIK: comincia male, malissimo, la sua avventura in biancorosso; prende 8 gol dall'Innsbruck, ma forse non era al 100%. Con il passare delle partite dimostra il suo valore con percentuali di parate altissime (fino al 100% contro Lubiana), compiendo alcuni miracoli e tenendo spesso a galla la baracca. Voto 8,5

JACOB SMITH: esordio da paura contro la corazzata Linz; ne prende 5 ma ne salva almeno altrettanti; quando viene chiamato in causa dimostra classe, riflessi felini e coraggio; la sua giovane età fa molto ben sperare. Supplisce alla “scarsa altezza” con movimenti continui.Voto 7,5

CLARK SEYMOUR: ancora non si è ben adattato all'hockey europeo, alterna cose buone a “vuoti” da panico; a volte si complica troppo la vita, ma cerca di aiutare in attacco. Con il fisico che si ritrova, dovrebbe farsi sentire di più nelle cariche; avrebbe anche un bel tiro dalla blu, ma lo usa poco e, spesso, a sproposito.Voto 5,5

MAX EVERSON: non è un “raffinato” e si vede, spesso ci mette fisico e solidità difensiva e quasi sempre espleta il suo dovere senza troppi fronzoli. Qualche lacuna in fase di uscita di zona e qualche difficoltà ad impostare il gioco; anche lui ogni tanto ha dei momenti di “buio”. Voto 5,5

ALEXANDER EGGER: Il Capitano continua a tirare la baracca, ma gli anni cominciano a farsi sentire anche per lui; con lodevole spirito di sacrificio si adatta a giocare dove vuole il mister, segna un gol e alcuni assist. Voto 6,5

HANNES OBERDÖRFER: Big “O” non è al massimo e si vede; probabilmente sconta il ritardo di preparazione atletica dovuto al recupero dalla carica alla testa subita negli ultimi play-off; resta comunque uno dei beniamini dei tifosi e uno degli uomini-spogliatoio. Voto 5,5

ALEX GELLERT: all'inizio fa fatica, scontando il “salto” dalla serie A alla EBEL, ma il “figlio d'arte” non demorde e lotta, soffre quando difende, ma in attacco diventa una spina costante nel fianco avversario; sta cominciando a riscoprire il “marchio di fabbrica” che rese famoso suo padre Kim: la “sassata”. Voto 5/6

DANIEL GLIRA: forse la sorpresa più positiva della stagione. Il giovane “prospect” si guadagna il posto giocando sempre con serietà, umiltà e semplicità; non cerca (quasi) mai il colpo ad effetto e questo è sintomo di intelligenza; si toglie perfino lo sfizio di segnare dopo aver saltato il portiere. Voto 7

RYAN GLENN: il “ministro della difesa” comincia bene la sua avventura in biancorosso, poi comincia ad avere qualche colpo a vuoto, ma la classe non è acqua ed è difficile vederlo perdere un disco in ripartenza. Voto 6,5

MICHELE MARCHETTI: comincia ad avere tanto ghiaccio il giovane fassano; l'infortunio di Frank ed il ritorno in terra natia di Yogan, gli hanno permesso di giocare con una certa continuità; non è certo un “granatiere”, ma riesce a farsi valere, cominciando a prendere coraggio e ad assumersi responsabilità. Voto 6+

MARCO INSAM: ormai al “jolly” di casa Foxes manca solo di indossare gambali, pinza, biscotto e maschera per andare in porta; tanto, tantissimo lavoro oscuro negli angoli ed in balaustra e tutto ciò a discapito della freddezza sotto porta; resta comunque uno dei più solidi della squadra. Voto 6/7

NICK PALMIERI: Diciamocelo, “Pandoro” quest'anno non sta girando al massimo! Schierato in una linea forse non ottimale per lui, spesso fallisce occasioni d'oro per troppa leziosità; a volte lavora troppo di fioretto e non di spada; uno con la sua potenza dovrebbe travolgere gli avversari solo con lo spostamento d'aria al suo passaggio; è comunque sempre in grado di segnare dimostrando classe e tecnica. Voto 5,5

TRAVIS OLEKSUK: un altro ex “oggetto misterioso” che sta cominciando a dare segni di risveglio; dopo un inizio quasi indolente, il buon Travis si è messo di buzzo buono ed ha cominciato a giocare come sa. Voto 5,5

LUCA FRIGO: vero, il nazionale italiano ha segnato una sola rete finora, ma si è dimostrato un lottatore ed un discreto assist-man. Passare dalla serie A italiana alla EBEL non è stato facile nemmeno per lui, che però è sempre nello starting-six, segno che gode della fiducia di coach Pokel. Voto 6-

BRODIE REID: 6 gol e 4 assist per il numero 15, sempre pericoloso sotto porta. A volte sembra quasi indolente, ma se il goalie avversario si lascia scappare un rebound, BR15 arriva come un falco. Voto 7

ANTON BERNARD: Welcome back Toni! Dopo un (lungo) periodo in chiaro-scuro, “capitan Futuro” sta cercando di riconquistarsi il posto a suon di buone prestazioni; manca ancora nelle cariche in balaustra, ma il gol segnato a “sua maestà” Ouzas dimostra il reale valore di Anton. Voto 6+

DENNY KEARNEY: il “folletto” segna (poco) ma lotta (tantissimo). Dove c'è una mischia, c'è lui; dove si lotta per il disco, lui c'è, ogni partita esce stremato. Voto 6+

JESSE ROOT: il “professore” (è laureato in Economia a Yale), buon terminale d'attacco (7 reti finora), sempre a disposizione dei compagni; ragazzo molto umile, sa farsi anche ben volere; quello che gli manca è un po' più di cattiveria agonistica. Voto 5/6

MARKUS GANDER: inizio di stagione un po' in ombra per Markus, tanto lavoro sporco, ma pochi punti; abbastanza nervoso nelle ultime partite (vedi penalità partita contro il Graz). Voto 5,5

MARC-OLIVIER VALLERAND: anche l'ex-Appiano pare non essersi ancora ben ambientato in squadra e nella Lega, sta dando comunque segni di risveglio; assieme a Kearney è quello che forse recupera più dischi. Voto 5,5

DANIEL FRANK: fermo ai box da alcune partite a causa di un trauma cranico, quest'anno Daniel non ha ancora segnato, ne portato punti. N.G.

Riccardo Giuriato